GIORDANIA 2020 – JORDAN

GIORDANIA 2020 – JORDAN

GIORDANIA 2020 – JORDAN

306
0

GIORDANIA – 15-18 febbraio 2020

Volo: Roma Ciampino – Aqaba della durata di 3h 40 min.

Costo Volo Ryanair (€110)

Fuso orario + 1 ora

 

***************

 

PERNOTTI (il costo è considerato a persona e in camera doppia)

▶ Wadi Rum – Campo tendato (€26)

Art Hotel Amman (€36)

Days Inn Hotel Aqaba (€23)

 

***************

 

JORDAN PASS

Per questo JORDAN PASS ci sono tre costi differenti (io ho preso l’intermedio di 75 JD = € 96) in cui sono compresi gli ingressi nelle attrazioni principali della nazione (elenco consultabile nel proprio sito) e, non meno importante, il visto d’ingresso in Giordania. E’ acquistabile on line con il numero del proprio passaporto e una carta di credito.

Atterrati in Giordania troverete subito un desk “Jordan Pass” dove la Polizia locale vi controllerà il QRCODE applicando sul passaporto il visto d’ingresso e un codice a barre adesivo.

Durante tutto il viaggio vi consiglio di avere JordanPass e Passaporto sempre a portata di mano per essere esibito agli ingressi delle attrazioni e alle numerose richieste della Polizia lungo i diversi posti di controllo.

 

***************

 

TELEFONO E INTERNET

Assicuratevi prima di partire cosa prevede il vostro contratto telefonico tenendo bene in mente che andrete a visitare un paese fuori dalla Comunità Europea (con relativi costi e restrizioni).

Con il mio gruppo ho comprato una scheda dati giordana (acquistabile all’interno dell’aeroporto) al costo di 14 JD per 60 GB.

Sapendo di questa opportunità abbiamo portato con noi un piccolo router wifi (ma va bene anche un cellulare muletto) dove mettere la scheda dati giordana.

 

***************

 

ASSICURAZIONE SANITARIA

Prima di partire abbiamo stipulato un’assicurazione sanitaria del costo di €100 per tutti e quattro (€25,00 cadauno).

 

***************

 

SPOSTAMENTI IN GIORDANIA

Dall’Italia abbiamo noleggiato tramite Europecar un fuoristrada Mitsubishi Pajero comprensivo di assicurazione totale casko al costo di  € 209 (€ 52,25 cadauno).

Il ritiro e la riconsegna sono stati effettuati all’interno del parcheggio aeroportuale.

L’agenzia di noleggio dopo le registrazioni del caso vi consegnerà una card (come un bancomat) che dovrebbe corrispondere alla nostra carta di circolazione. Nei posti di controllo della polizia vi sarà sempre chiesto di esibirla.

 

***************

 

SOLDI

In Giordania non è difficile trovare delle postazioni bancomat (ricordate che per la transazione il totem bancomat vi chiederà all’incirca 5/6 JD) o meglio ancora pagare con carta di credito nei vari esercizi. Difficilmente accetteranno i vostri Euro.

Dovrete necessariamente cambiare dei soldi in moneta locale (dinaro giordano) – (ma non troppi in realtà – io ho preso 100 JD).

Prima di partire assicuratevi di abilitare il vostro bancomat per i prelievi esteri (considerate sempre il “fuori Europa”).

 

***************

 

EXPERIENCE GIORNO 1

Atterrati ad Aqaba e provveduto alle formalità del caso (visto ingresso, JordanPass, scheda telefonica e noleggio auto), ci dirigiamo, a bordo nella nostra Pajero, direttamente verso il deserto del Wadi Rum per incontrare il beduino che ci ha organizzato il pernotto nel campo tendato e il tour sulla jeep (sgangheratissima) in uno dei deserti più famosi al mondo. Il tipo lo abbiamo contattato dall’Italia tramite WA (beduini moderni eeeh!!) e una volta atterrati ci ha mandato addirittura la posizione per raggiungerlo.

Dopo circa un’oretta di macchina arriviamo in un piccolo villaggio nel deserto dove il tipo con una bella tunica elegante, il turbante e gli occhiali da sole spokkiosissimi ci dà il benvenuto.

Ci fa parcheggiare l’auto affidandoci a due dei suoi scagnozzi.

Uno con la faccia da duro, l’altro simpaticona. Ci caricano (noi e bagagli) sulla jeep scassata e via…. si parte per il deserto!!!

 

IMG_1660

IMG_1657

 

 

Non mi sembrava vero stare sul cassone di una jeep con sole e vento in faccia a scorrazzare tra dune e montagne desertiche!!!

Dopo una trentina di minuti arriviamo al campo tendato dove trascorreremo la notte… 7/8 tende (una adibita a sala conviviale, le altre con letti). Intravedo un gazebotto in cemento… due water, due docce e due lavandini…l’essenziale!

Ecco, dimenticate ogni comfort occidentale e “leggi antinfortunistiche”… fili elettrici e tubi appoggiati e agganciati tra una tenda e l’altra senza troppe attenzioni.

RICORDATE CHE SIETE NEL DESERTO, NESSUNO VI HA OBBLIGATO AD ANDARCI. PAGATE VOI MA CI STATE COME DICONO LORO!

 

IMG_1700

IMG_1699

IMG_1691

IMG_1688

 

Lasciamo al volo i bagagli nella tenda e via di nuovo a scorrazzare nel deserto per vedere una pietra gigante rimasta in bilico, diversi canyon, cammelli, trascrizioni rupestri e la “casa” di Lorenz d’Arabia.

 

_MG_0546 3

IMG_1714

 

Prima di tornare al campo tendato… finale con il botto… IL TRAMONTO!

Lo ammiriamo rapiti da quei colori sorseggiando il the beduino che i due scagnozzi ci hanno preparato accendendo delle piccole sterpaglie sotto ad una teiera nata e vissuta, ad occhio e croce, già ai tempi dei dinosauri.

 

IMG_1857

IMG_1863

IMG_1862

IMG_1858

 

Torniamo al campo ormai quasi al buio. È già ora di mangiare. Lì ci aspetta il beduino “gestore del campo” che ci fa trovare una succulenta cenetta con pollo, verdure e altre pappette (che non ho mangiato) cucinata in un bidone metallico sotto la sabbia. Devo ammettere che era tutto buono.

Finito di cenare siamo rimasti tutti insieme intorno al  fuoco a bere del the e sparare cazzate in italiano, arabo e inglese (vi lascio immaginare che casì!!). A fare da cornice a tutto ciò un meraviglioso cielo particolarmente stellato! Che dirvi … esperienza unica!!!

 

IMG_8564

IMG_1940

IMG_1904

IMG_1880

IMG_1877

 

Una mezz’oretta a fare le immancabili foto alle stelle (e quando ci ricapita?) e poi a letto.

Una tenda con solo il letto e tante coperte. Niente comodini… niente di niente… solo il letto!

 

IMG_1653

 

Se siete un po’ schizzinosi portatevi un sacco a pelo e delle lenzuola dall’Italia.

Non farà caldo durante la notte, la tenda è la tenda…… ricordatevelo! Buonanotte!

 

EXPERIENCE GIORNO 2

Ci svegliamo verso le 6.30.

Bello aprire gli occhi in quei luoghi anche se un po’ acciaccati dal tour poco confortevole su un cassone aperto di una jeep (vecchia) e leggermente infreddoliti e insabbiati dal deserto.

 

3313686e-eb98-4016-b4ae-1177055493ad

 

Colazione veloce con l’immancabile the (loro lo chiamano il whisky del deserto) e dei biscotti secchi (buoni). Risaliamo di nuovo sul cassone e via verso la nostra auto… questa volta eravamo meno entusiasti di trovarci su una jeep con gli ammortizzatori scarichi ahahahahhaha

 

Salutati gli scagnozzi saliamo sul nostro COMODO Pajero per raggiungere una delle 7 meraviglie del mondo… la famosa PETRA.

 

Con l’aiuto del navigatore attraversiamo paesi e paesini su strade più o meno confortevoli per arrivare al Centro Visitatori di Petra dopo un’oretta e mezza. Parcheggiamo l’auto gratuitamente sulla strada nelle vicinanze del centro, lasciando dentro le nostre valigie (poi ritrovate tranquillamente al nostro ritorno).

Entriamo esibendo il passaporto e la Jordan Pass. Superati i classici negozi di souvenir e ristorazione ci avviamo nel vialetto sabbioso che ci avrebbe condotto al Tesoro di Petra camminando per un’oretta nel mezzo della faglia rossa e rocciosa.

 

IMG_2002

IMG_1998

 

All’inizio troverete una marea di giordani che vi proporranno un passaggio per raggiungere il sito storico al dorso di cavalli e asini oppure su carretti. Non sono a conoscenza del loro costo, noi abbiamo preferito goderci la camminata di circa 2/2,5 km (in realtà non lo so con precisione).

Al termine del SIQ (faglia) troviamo il TESORO… la famosa tomba di Re Nabateo Aretas III.

 

IMG_2008

IMG_2018

 

In questa “piazza” troverete un po’ di tutto… turisti, cammelli e locali che cercano di venderti l’impossibile.

Noi agganciamo un tizio che per 20JD ci accompagna sopra un punto panoramico per fotografare il Tesoro dall’alto. In realtà avremmo potuto raggiungerlo da soli ma vabbè… pace!

 

f8894cc9-3101-420e-9f2b-2d8236e4b28e

 

Sopra, nello spiazzo panoramico, troviamo un “senzatetto” che al costo di 1 JD ti fa fare le foto offrendoti un the… eeeh vabbè la foto panoramica vale molto di più di quanto abbiamo speso.

Ritorniamo al Tesoro per prendere la “strada delle facciate”, 40 tombe e case di architettura assira. Arriviamo al “teatro nabateo” per fare qualche altra foto per poi decidere di tornare indietro senza raggiungere il “tempio”.

Tornando indietro ci fermiamo in uno di quei punti di ristorazione situati all’ingresso del centro visitatori. Considerate che ci troviamo in uno dei luoghi più turistici del mondo. Facciamo pranzo con una spesa di 15/18 JD a fronte dei 7/8 JD che normalmente si spendono nel resto della nazione (se si escludono luoghi super turistici). Finito di pranzare ci rimettiamo in auto per raggiungere Amman. Ci sono molti km da percorrere e non sempre con strade agevoli, ma non volevamo perdercela.

Raggiungiamo la capitale giordana costeggiando il confine israeliano per ammirare e scattare un paio di foto al Mar Morto. Purtroppo non avevamo tempo di scendere su un sentiero e toccare l’acqua di questo famoso mare, ma abbiamo comunque goduto di un fantastico tramonto (un po’ nuvoloso) ma con il suo perché.

 

IMG_2095

IMG_2091

IMG_2087

 

Arriviamo al centro di Amman verso le 19.00… chiassosa, caotica, colorata, odorosa, ma indubbiamente un’affascinante città.

Raggiungiamo l’Hotel (in pieno centro). Ci fanno lasciare l’auto in un parcheggio al costo di 15 JD. Sapevamo già che l’avremmo ripresa il pomeriggio successivo per tornare ad Aqaba.

Fatto il check-in in hotel ci ributtiamo in strada per vedere la città “vestita da notte”. Andiamo al teatro romano, visitiamo un punto panoramico per qualche foto. Mangiamo riso accompagnato da saporita carne locale.

Sulla strada verso l’hotel sosta per assaggiare l’estratto di canna da zucchero (a me è piaciuto tantissimo) …fresco e non eccessivamente dolce… rischio cagotto superato! Ahahahahahhah!!!

 

IMG_2127

IMG_2125

 

La stanchezza si comincia a far sentire… ci buttiamo in doccia per una sgrassata generale e via sotto le lenzuola.

Sonno profondo ma simpaticamente e inaspettatamente  disturbato, verso le 2/3 di notte,  dalla preghiera notturna trasmessa dalla moschea vicina  in filodiffusione!!! Come dico io… indottrinamento per “infusione” ahahhahahhah

 

EXPERIENCE GIORNO 3

Dopo una veloce colazione in hotel ci riversiamo nella capitale giordana questa volta “vestita di giorno”. Dall’albergo saliamo verso “La cittadella” passando per “Al Malek Al Hussein Street”.

Entriamo nella “Cittadella” (passaporto e Jordan Pass sempre a portata di mano) che sorge sulla sommità della collina più alta di Amman. Visitiamo il Tempio di Ercole, il Palazzo degli Omayyadi e la Basilica Bizantina.

Usciamo dalla Cittadella verso “Al Qalat Street”; prendiamo la scalinata che scende verso “Salah Bib Al Akwa Street” e ci fermiamo in un punto panoramico che offre una bella veduta sul teatro romano. Arriviamo quindi all’Odeon, Teatro Romano e il Foro.

 

IMG_2254

 

Prima di raggiungere i vari Souk (mercati) ci fermiamo da un panettiere dove, con un prezzo davvero ridicolo, acquistiamo dei dolci locali (molto buoni).

Non vi descriverò i colori, gli odori, il vocio e il caos di questi mercati tipici… ve lo lascio solamente immaginare!!!

 

IMG_2266

IMG_2264

IMG_2261

 

Poco più avanti troviamo l’unica moschea del centro “Moschea di Al Husseiny” del 1924, visitabile nelle ore non dedicata alla preghiera. Ingresso libero ma con vestiti adeguati.

Con la panza piena di dolci e un altro bicchiere di canna da zucchero bevuto nel frattempo, ci rimettiamo in auto per tornare ad Aqaba per la notte.

Questa volta eviteremo la strada del Mar Morto per passare sulla Strada dei Re dove attraverseremo punti panoramici, tendopoli nel deserto e piccoli villaggi giordani incontrando la “quotidianità” che vi assicuro essere tanto diversa dalla nostra. Bambini che scorrazzano “liberi” in strada e che giocano con il “niente”. Piccole studentesse che fanno km e km nel nulla per tornare a “casa” da scuola… e i maschietti di tutte le età vestiti con una mimetica e lo zaino in spalla.

 

IMG_2245

IMG_2073

 

Racconto solo quello che vedo senza dire cosa è meglio o peggio… ma è tanto diverso da casa nostra. Ho negli occhi delle immagini che finora avevo visto solo al telegiornale… per me era la prima volta in Medioriente.

Arriviamo di notte ad Aqaba. Una città completamente diversa… finta, costruita. Sembra quasi una piccola Dubai… nulla a che vedere con quello che avevo visto poche ore prima.

Aqaba una città totalmente turistica e pulita. Uso il termine “pulita” perché a terra non c’erano cartacce o immondizia. Purtroppo scorrazzando in autonomia per la Giordania potrete notare con dispiacere quanto la plastica sia dannosa per la nostra amata terra… spazzatura ai bordi della strada e nei campi… ovunque purtroppo. Non voglio descrivere la Giordania come un paese “sporco”, ma girandola non potrete evitare di notare questa nota negativa.

Di contro vi posso dire di aver trovato un popolo estremato accogliente, gentile e dignitoso, disponibile a darvi qualsiasi informazione possa servire.

Un “parcheggiatore abusivo” ci ha fatto parcheggiare l’auto nei pressi di Petra e non ha voluto i soldi che gli abbiamo teso.

Un “gommista” ci ha controllato la pressione delle gomme e non ha voluto manco un Dinaro per lo “scomodo”.

Nessuno ti corre dietro per insistere ad “appiopparti” un servizio o un souvenir (come mi è successo in Egitto e Marocco).

Arriviamo nel nostro Hotel a 4 stelle per docciarci e riposare un po’.

È stato un crescendo… dall’essenzialità della tenda all’hotel  con tutti i comfort ahahahhahahah!!

 

 

EXPERIENCE GIORNO 4

Quella del quarto giorno non  posso chiamarla “experience” visto che dopo aver fatto colazione ci siamo diretti all’aeroporto (dal nostro hotel distante solo una decina di km) per il volo verso l’Italia.

Dopo un paio di controlli di polizia sulla nostra persona e sui nostri bagagli arriviamo al Gate per attendere il volo Ryanair che ci avrebbe riportati a casa.

 

IMG_8778

 

 

L’articolo è stato letto 306 volte

Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per fornire alcuni servizi. Continuando la navigazione ne consentirai l'utilizzo. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi