OFFIDA – LE DIECI COSE DA NON PERDERE

OFFIDA – LE DIECI COSE DA NON PERDERE

OFFIDA – LE DIECI COSE DA NON PERDERE

456
0

OFFIDA – LE DIECI COSE DA NON PERDERE

Sempre più visitatori e turisti apprezzano le qualità culturali ed enogastronomiche della cittadina offidana.  Un piccolo e grazioso borgo medievale posto a metà strada tra il Mare Adriatico e i Monti Sibillini inserito nel circuito de I BORGHI PIU’ BELLI D’ITALIA.

Questo un semplice elenco sulle attività/attrazioni da “non perdere” una volta giunti all’interno delle mura castellane.

 

  1. CHIESA DI SANTA MARIA DELLA ROCCA

Una costruzione in laterizio in stile gotico del XIV secolo posizionata nella parte (più) occidentale del borgo storico e circondata da dirupi sui tre lati. Sotto il bellissimo panorama mozzafiato di colline coltivate a vitigni locali.

Il monumento è “suddiviso” su due piani. La parte superiore formata da un unico e grande salone mentre quella inferiore “occupata” da una grandissima e suggestiva cripta.

Sulla parte sinistra della scalinata orientale potrete notare una pecorella che mangia un quadrifoglio.

La credenza popolare vuole che, chiunque si posizioni con i piedi e gli occhi chiusi sul rilievo, possa esprimere un desiderio che poi sempre si avvera. La parte difficile non è tanto “decidere” un desiderio tra i tanti ma “non farsi male” nell’esecuzione del “rito della scalinata”. Sul rilievo ci si deve arrivare all’indietro e sempre ad occhi chiusi partendo dal terzo scalino superiore. BUONA FORTUNA.

Sulla parte sinistra dell’edificio (nelle vicinanze di una siepe) potrete notare un residuato bellico (in parole povere una BOMBA) della seconda guerra mondiale. Questo ordigno (ovviamente disinnescato) lasciato a memoria di un presunto “miracolo della Vergine Maria” che NON ha permesso a 30 bombe tedesche di esplodere. Lanciate dalla Germania per far franare il “costone della chiesa” sulla strada sottostante così da  rallentare l’avanzata degli alleati americani.

Non sappiamo con certezza se sia stata la Vergine Maria oppure la “coscienza” di qualche tedesco a dissinescare gli ordigni così da evitare la distruzione di uno dei più bei monumenti del Centro Italia. A noi poco importa, SIAMO TUTTI FELICI  di poter ancora ammirare un’opera così bella.

Offida Santa Maria della Rocca 5

TAALE3544

 

2. MERLETTO A TOMBOLO DI OFFIDA

Passeggiando sul corso principale o nei vicoletti secondari del centro storico non vi sarà difficile “trovare” donne di qualsiasi età che con maestria e velocità intrecciano fili facendo danzare i fuselli in legno. Dal 1998 è presente nel borgo (Via Roma) il MUSEO DEL MERLETTO A TOMBOLO mentre nel 2009 è stato riconosciuto il marchio di tutela che garantisce la qualità del prodotto. Il marchio denominato MERLETTO A TOMBOLO DI OFFIDA può essere usato esclusivamente dai produttori offidani iscritti nei registri comunali.

Negli ultimi tempi le merlettaie offidane, oltre a bellissimi corredi, tovaglie e centrini, realizzano preziosi ed esclusivi bracciali, orecchini e ciondoli usando fili argentati e dorati.

La testimonianza di questa grande tradizione offidana è ben visibile all’entrata del centro storico dove sarà possibile fotografare il “Monumento alle Merlettaie” realizzato dallo scultore offidano Aldo Sergiacomi.  Un monumento in bronzo che evidenzia come la tradizione viene tramandata da madre in figlia. Nello specifico noterete una nonnina, una mamma e una piccola figliola lavorare il merletto a tombolo.

IMG_8531 2

IMG_8533 2

IMG_8537 2

 

3. TEATRO SERPENTE AUREO

Quello offidano è uno dei più bei teatri della provincia picena. La struttura risale al 1700 e la parte esterna coincide con il Palazzo Comunale che affaccia sulla bella Piazza del Popolo. Ha una capienza di circa 300 spettatori e se fortunati durante qualche visita potrete ammirate il bellissimo sipario storico.

IMG_8550 2

IMG_8542 3

IMG_8544

 

4. CHIESA COLLEGIATA

Un’imponente struttura del XVIII secolo. Pianta a croce latina con due cappelle laterali fiancheggiate da altrettante rampe di scale che portano alla cripta dedicata alla Madonna di Lourdes. Presente anche un presepe permanente realizzato da artisti napoletani. Se dovessi descriverla con una sola parola userei “BIANCA”… andate a visitarla e poi capirete perché.

 

5. OSTERIA OPHIS

Un ristorante piccolo e accogliente dove lo Chef patron Daniele Citeroni Maurizi rivista a suo modo la tradizione locale. Il suo punto fermo e FORTE è la selezione/scelta della materia prima, dei produttori, la stagionalità e la territorialità. Ora tutto questo “fa moda” ma lo Cheffone (così lo chiamiamo) lo fa da ben 17 anni. In passato veniva preso per “matto” spendendo così tanti soldi nella ricerca e nelle materie prime d’eccellenza. Finalmente negli ultimi anni i riflettori si sono accesi anche sulla sua Osteria riconoscendogli i TRE GAMBERI del GAMBERO ROSSO(unica Osteria nell’itera Regione Marche) e la CHIOCCHIOLA della SLOW FOOD (unica nell’intera provincia picena). Lui è un mio grande AMICO e litighiamo in continuazione quando parliamo dei titoli dei suoi piatti… IL MINESTRONE, I FAGIOLI CON LE COTICHE, IL POLLO ARROSTO CON LE PATATE e così via… usa dei “titoli” poco appetibili ai più ma la “fregatura” è proprio qui… i piatti sono straordinariamente buoni e rivisitati in chiave moderna. Belli da vedere buonissimi da mangiare.

28467864_10212787221967707_6396968743178472012_n

28168286_10212787223847754_3508630902623893361_n

 

6. VI’/STRO’

Il VI’/STRO’ è un piccolo ristorantino/enoteca situato sul corso principale della bella cittadina di Offida, propone un menù legato al territorio con varianti giornaliere e piatti freschi. La tradizione è parte integrante del menu con chichì ripieno, fritto ascolano, zuppe, panini ripieni di polpette, salumi e formaggi del territorio. Da non perdere gli hamburger gourmet creati dallo Chef patron Daniele Citeroni Maurizi dell’Osteria Ophis. La cantina strettamente legata al Piceno con piccole cantine biologiche, è curata dai proprietari e si rinnova periodicamente offrendo una buona scelta di vini al bicchiere. Per gli appassionati, sono disponibili molte etichette da acquistare direttamente al locale. Per finire in bellezza, dolci preparati quotidianamente, un goccio di vino cotto, anisetta o caffè.

19554992_10212467569616598_4521098470396321808_n

 

7. AZIENDA SAN GIOVANNI

L’Azienda San Giovanni è una realtà di coltivazione e produzione di vini Bio tipicamente piceni. Nello showroom, situato nel centro storico di Offida, avrete la possibilità di assaggiare le nostre linee di produzione, assaporando la passione e dedizione all’arte vitivinicola che finisce in ogni bottiglia. La degustazione consiste nell’ assaggio di cinque vini e prodotti tipici locali.

 

8. CARNEVALE STORICO DI OFFIDA

Qui potrei scrivere per mesi ma non lo farò. Il Carnevale Storico Offidano non può essere descritto… può essere solo vissuto in ogni sua forma. Gli appuntamenti più importanti possono essere banalmente elencati così:

  1. Sant’Antonio il 17.01 (apertura del carnevale)
  2. Domenica degli Amici
  3. Domenica dei Parenti
  4. Giovedì Grasso
  5. Bove Finto
  6. Veglione del sabato di Carnevale
  7. Veglione mascherato della domenica di Carnevale
  8. Veglione delle Congreghe del lunedì sera
  9. V’lurd (martedì di carnevale)

…ma il Carnevale Offidano è tanto tanto di più. E’ tradizione! E’ passione! E’ ritualità! E’ un po’ sacro e tanto profano! Non vi resta che venirlo a vedere per capire.

26904359_10212476812167656_4152528114760392165_n

27657061_10212616215972664_2870454856721532655_n

 

9. LA MANGIALONGA PICENA

La Mangialonga Picena può essere banalmente descritta come una passeggiata enogastronomica tra i vigneti della DOCG Offida.

La penultima/ultima domenica di luglio 800 partecipanti avranno la possibilità di camminare tra i vigneti (raggiungendo a piedi le varie cantine del percorso) e mangiare piatti gourmet realizzati dai più bravi Chef del territorio.

Nella manifestazione partecipano oltre 40 aziende/eccellenze del territorio. Per capire di cosa stiamo parlando basterà chiedere a chi l’ha fatta già!!!

Tutte le informazioni possono essere consultate sul sito www.mangialongapicena.it

 

10. GASTRONOMIA FIOR DI FARINA

Se venite ad Offida non potete evitare di passare a degustare qualcosa dalle amiche Sonia & NOra di Fior di Farina. Cucinano cucinano e cucinano con tanto amore e si VEDE ma soprattutto si sente. Cartocci di Olive all’Ascolana, Cremini all’Anisetta, biscotti al vino cotto, tortellini, chichì ripieno (pizza tipica offidana) e pasta all’uovo… insomma tutte cose buone da assaggiare. Infine non potete evitare di acquistare il Funghetto di Offida che è uno dei dolci tipici offidani. Nasce come una “pizza” durissima di farina, zucchero e Anice verde di Castignano (recente Presidio Slow Food). Solo dopo aver arricchito tutti i dentisti della zona viene creata la seconda versione più “morbida”. Questo funghetto moderno prende la forma di tanti piccoli funghetti/sassolini molto più morbidi dell’originale. Una cosa importante da CHIARIRE è che con il passare dei giorni anche loro diventeranno duri, duri come l’originale… quindi NON DITE che sono “andati a male”… sono FUNGHETTI DI OFFIDA… ORGOGLIOSAMENTE OFFIDANI!!!

___________________________________

 

Nella forma più semplice ho scritto “LE DIECI COSE DA NON PERDERE AD OFFIDA”… ma OFFIDA è tanto tanto di più. Aziende agricole e vitivinicole d’eccellenza e altre realtà di ristorazione.

  • Show Room Ciù Ciù
  • Osteria Cantine Offida
  • Cantinetta dell’Olmo
  • Ristorante / Pizzeria La Botte
  • Associazione del Merletto
  • La Merceria Offida
  • Polo Museale
  • Pizzeria Nonno Lele
  • Bar Eiffel
  • Caffè Aureo
  • Caffè del Corso
  • Gelateria Oasigel
  • Gelateria Amor di Gelato
  • Pizzeria Prima o Poi

…che nessuno ne abbia a male, avrò dimenticato sicuramente qualcuno ma la lista è davvero lunga!!!

 

BUON OFFIDA A TUTTI!!!

 

L’articolo è stato letto 456 volte

Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per fornire alcuni servizi. Continuando la navigazione ne consentirai l'utilizzo. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi